...e questo è l'ultimo disegnello postato nella casa (la home, che ironia! vabbuò...) dove è nata canemucca (essi, perchè è femmina).
I feed sono già stati reindirizzati a casa nuova. Qui resta tutto così, non toglo nulla. Archivio totale.
Sicuro ogni tanto tornerò a dargli un'occhiata. Mi son divertito e incazzato e intristito e vergognato e si, a volte arrapato (?) assai in questo luogo, quindi delle belle immersioni nostalgiche me le concederò.
Vavè, ci si vede dall'altra parte. Via la mano dai coglioni, beshtie.

M.

Selezione del Reader's Digest
La Graziella di Dio Gambetto di Donna ASL? If tetts.wocciuwont... Néjàvù LinguaMorta
Principia di Congelamento
AppEnDaun
iMMagination: giastanillusgion
Quacking
Reason breack
Les Signes du la Decadons
I culi si spaccano qui, nella testa. Uomini.
Tippy-Tapy & il Bongy-Pallo
Outing 0.1
Outing 1.0
Outing 3
Outing GTT [gototop]
GoodOl'Bashtard
Grigio Sporco
Disegno fallace
Le cicale immortali
Certo che a me i periodi di festa fanno un bene...
Blu di Prussia
I 5 link a lato vi sparano la saga di Jeppo in una nuova finestra.
Jeppo 01
Jeppo 02
Jeppo 03
Jeppo 04
Jeppo_XX
A dx 5 link a strip pubblicate su Apogeonline Bit Comics.
Tom-Tom
A.R.G.O.
Coretorto
Pleasedongò
Razor(non pubblicata!) OCCHIO, che compare in basso.
Penso che questo blog sia organizzato come la mia scrivania, cioè un casino. Per cui, quissù ho linkato le cose fumettose realizzate in questi mesi (ho scelto tra quelle più rappresentative).
Mi sono autolimitato o le avrei messe tutte (i figli so' piezz'e core ;)
Comunque, l'elenco completo dei post e di quasi tutte le cose pubblicate in giro sul web, è come sempre nella colonna a dx.

sabato 28 aprile 2007

giovedì 26 aprile 2007

Scaffale d'Angolo (Nessun Errore è Irreparabile)

Benvenuti quindi, dopo la consueta sigla, al nostro apppuntamento con l'editoria minore, se così vogliamo definirla, ma non meno importante.
Oggi in studio con noi il Prof. Carlo Vaitranquillo, già docente di storia e filosofia all'Università di Catanzaro. Oggi però, in veste di autore-editore del suo primo volume: Nessun Errore è Irreparabile. Buongiorno professore.

Buongiorno a voi.

Parliamo un pochino di questa doppia veste di autore-editore. Sappiamo che ha scritto il libro, ma che ne ha anche sostenuto i costi di stampa. Come mai?

E' stata una soluzione di compromesso con il franchising di librerie, che ha accettato di sostenere la distribuzione dell'opera a patto che io mi accollassi i costi di tipografia.

E' stata un'operazione gravosa? Economicamente intendo.

Bè, devo dire di si. Ho investito tutto quello che possiedo nella stampa dei 35.000 volumi su carta pregiata, rilegati a filo refe, coperta rigida e sovraccoperta plastificata. La mia casa adesso è della Banca (hehehe) ma sono sicuro che le vendite mi ripagheranno di questa scommessa.

Ne siamo sicuri anche noi professore. Ma parliamo quindi del libro.
Abbiamo qui il suo volume fresco di stampa, ce ne siamo procurati una copia dal tipografo con il consenso del professore ovviamente. Sappiamo che il libro non è stato ancora presentato ufficialmente alla stampa, quindi siamo orgogliosi di poterne proporre un'immagine in anteprima.

Molto bene, è un'anteprima anche per me, che, nel programmare i vari interventi di presentazione nelle librerie d'Italia, non ho avuto neanche il tempo di vederne una copia finita.
Sono emozionato.



Professore, ci tolga una curiosità. Perchè quel sottotiolo "Testo simulato da sostituire"?
Neanche la lunga introduzione, titolata allo stesso modo, sembra chiarirlo. Anzi, confessiamo di averla compresa ben poco, in quanto appare un insieme sconclusionato di frasi in latino.
Cito testualmente: "Romanorum sum querus atque unique civitatis septa manent viris..." e via così per ripetersi ad ogni capoverso.
Professore?
Cos'ha? (ragazzi questo non si sente bene)
Professore, vuole fare una pausa?
Molto bene, andiamo in pubblicità.
(questo gli ha preso er coccolone oh! chiama qualcuno...).

mercoledì 25 aprile 2007

lunedì 23 aprile 2007

Complimònt MadMac!



Hehehe... spero non s'icazzi anche lui, che ultimamente mi sto facendo così tanti amici da aprire un club!
(ma effettivamente incazzarsi de che?)
Ecco il link al blog di madmac . Speriamo di poter leggere quella sceneggiatura illustrata e pubblicata.
Ciao, Mak

domenica 22 aprile 2007

Les Signes du la Decadons

Bè, questo è uno di quei post che Max chiamerebbe "la massima espressione del cazzeggio". In questo periodo sto lavorando a cosette più lunghe (eddocazzvuoiarrivà? non bastano già così lunghe! Ciai ammazzato Eriadan ciai, che vuoi fa,'na strage?!)... più lunghe ed elaborate stavo dicendo, se mi lasciate finire.
Quindi nelle pause faccio 'ste cazzatelle che possiamo considerare come stuzzichini, assaggini, boh... comunque non anticipano nulla e sono giusto così, per...e va bene MAX! per cazzeggio!
Guarda che mi fa un nervoso mi fa quando ha ragione...

Ciao, Mak



venerdì 20 aprile 2007

Outing Final Cut (by Eriadan!)

Bè, bisogna aver letto almeno l'ultimo Outing della serie
(Outing GTT) per apprezzare appieno il finale/omaggio creato da Eriadan, che rivela qui un suo sorprendente creepy mood.
Non sorprende per nulla, invece, la sua grande gentilezza, il suo saper stare al gioco e la generosità nell'aiutare un papero a sbloccare una storia che si era incastrata in un luuuuunghiiiiissimo loop.
Che dire?

Chapeau monsieur
..
(grazie, Mak)



giovedì 12 aprile 2007

mercoledì 11 aprile 2007

lunedì 9 aprile 2007

Johnny Hart (1931-2007)

Sabato si è spento Johnny Hart. Mentre disegnava, ha dichiarato sua moglie.
Non riesco ad esprimere con l'efficacia che vorrei il dolore che mi ha provocato questa notizia.
Non so cos'altro dire.
Questo post è solo una testimonianza del mio amore per la sua opera.
Di tutti gli artisti che ho nel cuore e nelle mani, quello più ancorato nel profondo, forse in modo insospettabile per quello che esprimo in questo blog, è Johnny Hart.
Mi mancherà più di quanto potevo immaginare fino ad ora.
Marco.

domenica 8 aprile 2007

Auguri! (shhhhhh...zitt!)

Scaffale D'angolo (Antipodi 1)

Bentornati, siamo sempre qui a Scaffale D'angolo e passiamo senz'altro a parlare dell'odierno suggerimento alla lettura, come noi amiamo definirlo.
Esce in questi giorni per i tipi di NoPossibleMarket un romanzo che inaugura la collana Gli Antipodi.
Ma lasciamo che sia la curatrice della collana a parlarcene. Accogliamo cordialmente la Dott.ssa Annamarianna Cremorelli Bozzani, oggi con noi in studio.
Buongiorno Annamarianna. Mi permetto di passare subito al tu più confidenziale e farti la prima domanda: da cosa nasce l'idea o l'esigenza di creare la collana Gli Antipodi?


Inannzitutto buongiorno. Prima di rispodere vorrei stabilire ruoli e dettami formali propri del framework "intervista" in cui ci collochiamo hic et nunc. Posso?

hiketnuk...?...il frame... prego.

Primo: lei ha una Laurea in Letteratura Comparata con Indirizzo Antropologico e Specializzazione in Glossolisi del Lemma nel Postmodernismo Atlantico e un'Audi R8 parcheggiata qui sotto?

N-no.
Ho fatto il catechismo fino alla maturità, poi la Scuola Radio Electra in cui sono risultato uno dei primi 100 diplomati di quell'anno.

Quanti iscritti eravate quell'anno?

104. Ma rimanemmo in 98 dopo quell'esperimento secondo cui una scarica elettrica di 20.000 volts non risulta letale se la stessa può distribuirsi lungo il corpo di quattro persone che si tengono per mano.

Ne mancano due al conto.

Ah, vero, quello fu in seguito quando la fazione che optava per il dimezzamento del numero di persone nell'esperimento ebbe la meglio su quella che invece optava per il dimezzamento della potenza elettrica.

Quindi lei risultò tra i migliori 98 laureati di quell'anno, non 100.

No, 100 è esatto. Gli ultimi due ebbero laurea postuma in quanto la tipografia ne aveva stampate cento con rifiniture in oropress e ormai non si piazzavano più una volta personalizzate col logo e quindi 100 ne avete ordinate e 100 ne pagate.

Bene, quindi appurato che i nostri titoli stanno fra loro come un rutto sta ad un sonetto di Shelley, evitiamo il tu confidenziale palindromo e rendiamolo monodirezionale. Io ti do del tu, e tu mi dai dell'Essi, al massimo del Voi con la maiuscola.

Bè... d'accordo Dottoressa, non vedo qual'è...
Ah! Possiedo una Grande Punto GT. Bordò metallizzata, cerchi da 17".
La sua cos'è, una specie di giardinetta familiare?


AH! Hai detto qual'è con l'apostrofo!

Eh? E come ha fatto a sapere che c'era l'apostrofo mi scusi? Qui stiamo cadendo nel grottesc...

Zitto, non negare. So io che c'era.
E poi, clicca qui se vuoi vedere la "giardinetta". Che quella specie di portafiori che hai te la svernicio di risucchio di terza in curva tu lanciato da 1 km e io partenza da fermo in retromarcia.
Comunque, parliamo della collana Antipodi. Non Gli Antipodi Bestia.

Non ho detto Bestia. Gli, si, ma non Bestia...

Peccato non offrirsi per quell'esperimento dei 20.000 volt eh? Bestia di un somaro.
Dicevamo: Antipodi si propone di recuperare tutti quei prodotti letterari dell'umano ingegno che hanno determinato il successo del loro esatto opposto. Come sappiamo, la bipolarità ha nei suoi estremi la specularità. Quindi l'innegabile eguaglianza compensativa. Più e meno sono pressochè uguali, materia e antimateria idem.
Anzi, spingendoci oltre, nella finalità di Antipodi c'è il riscatto. In quanto tutte le opere scelte sono antecedenti il loro speculare contrario di successo.

In breve Dottoressa, la collana propone testi misconosciuti ma che, in una specie di plagio capovolto, sono stati utilizzati per creare noti bestseller.

Questo l'hai detto tu. Io non posso sbilanciarmi fino ad utilizzare il termine plagio.
Noi lasciamo al lettore tutte le valutazioni del caso. Possibili addirittura fin dalla lettura del titolo.

Molto bene, mandiamo allora un'immagine del volume di cui stiamo parlando oggi.




Ci parli dell'autore dottoressa. Chi è questo Ostiacan Ben Jamin?

Ne sappiamo poco anche noi in verità. Il libro è un'opera di recupero della traduttrice. Di lui sappiamo solo che è un algerino di origini trevigiane e che aveva aperto una concessionaria di cammelli a Colpenago (VA).
La cosa non funzionò in quanto il cammello gela completamente a -4 C°. Dargli da bere l'antigelo non produsse i risultati sperati. Alla fine vendette l'intero parco bestie ad una fabbrica di cappotti Austriaca che li utilizzò per il trasporto dei loden tra Siria e Algeria.

Si usa il loden in Siria?

No, infatti li rivendono tutti in Algeria.

Si...
Ma non si hanno notizie dell'autore?

Mah, il dolore per la perdità della concessionaria si sublimò nella stesura del libro, sua unica opera conosciuta. Oggi, alcune voci dicono che Ben Jemin sia tornato in Algeria dove conduce un'attività di successo. Sembra che acquisti loden a prezzi stracciati dalla Siria.

Ma questa mi prende per il cu... (sei in onda idiota) E poniamo quindi alla dottoressa la domanda cruciale: Qual è il bestseller agli antipodi di questo romanzo?

Non posso dirlo, ma sono sicura che chiunque altro sul pianeta l'abbia capito.

Chiunque altro rispetto a...? Ah!
Molto bene, dopo la pausa pubblicitaria daremo parola ai nostri ascoltatori che potranno intervenire telefonicamente per tentare di indovinare questo "ovvio" capolavoro a cui si riferisce la Dottoressa.
A dopo...

(FUORI ONDA )

Psst... Gino, mi passi l'asta del microfono?
No, l'altra, quella d'acciaio... si, quella si.
Grazie.
...
Dottoressa, scusi, si puo avvicinare un attimo, ha qualcosa tra i capelli... permetta ecco...
giri la testa un pò più così....

WHAM!

sabato 7 aprile 2007

giovedì 5 aprile 2007

lunedì 2 aprile 2007

domenica 1 aprile 2007

Outing 3

Scusate il ritardo, ma sono stato messo ko da una delle mie emicranie di 48 ore
(durante le quali devo giacere immobile al buio come Tutankamen).
Ma ora è passata, e so' cazzi vostri!
:-)